• messia-low-cost-colored-768x631

Se ci iscriviamo a qualche corso (di qualsiasi tipo, artistico o sportivo, per lavoro o diletto…) e lo paghiamo, ci aspettiamo che colui o colei che lo tiene come insegnante dia il massimo e ci aiuti ad arrivare ai massimi risultati.

Il miglior insegnante o allenatore ha quel giusto mix di conoscenza e capacità di insegnare che riesce a farci superare anche quel normale scoraggiamento che tende a bloccarci difronte ad un passo in avanti difficile del nostro apprendimento. Da un buon insegnante o allenatore mi aspetto un valido aiuto e un incoraggiamento ma non certamente degli sconti sugli obiettivi e il pressapochismo.

I discepoli hanno in Gesù un Maestro di vita e di fede, che non fa certo sconti sul programma di insegnamento. Gesù ha un obiettivo chiaro, che cioè i discepoli siano superiori a scribi e farisei nella via di Dio, dato che questi ultimi si sono dimostrati bravi a parole e apparentemente fedeli nell’eseguire i comandamenti di Dio, ma in realtà con le loro parole e il loro stile di vita stanno “svendendo” e sminuendo il piano di Dio sull’umanità, così come era stato rivelato.

Mi piace lo stile di Gesù come Maestro, che punta subito in alto, perché crede che sia possibile vivere il piano di Dio per l’umanità. Lui crede che sia davvero possibile realizzare tutto quello che Dio ha comandato per il bene dell’uomo. Quando dice che è li per realizzare anche la più piccola virgola di tutti i comandamenti, non ha in mente una religione legalista e rigida, ma l’esatto contrario. A sminuire la religione sono proprio coloro che la riducono a regole rigide e puntigliose, togliendo o smorzando la portata profetica, di sogno realizzato, che ha dentro di sé ogni parola e comando di Dio. Gesù è un maestro che non rimane sulla sua cattedra, al riparo dentro un ruolo e posizione, indicando ad altri come vivere il piano di Dio. Gesù stesso per primo fa vedere che è possibile realizzarlo con la vita e in questo trovare la felicità. Il Maestro insegna ai suoi discepoli con l’esempio e con parole che aprono il cuore. Aiuta i discepoli ad aprire i comandamenti mettendoli in relazione con tutta la vita, in ogni suo aspetto. Gesù insegna che non è con la minaccia di punizioni che si vive come discepoli, ma facendo vedere che nei comandamenti, anche il più piccolo, c’è tutta la grandezza della vita di Dio e la realizzazione della felicità umana. Per questo non bisogna né diventare rigidi e nemmeno fare sconti con quello che la fede ci insegna, ma credere che dentro ogni insegnamento si nasconde una beatitudine.

Gesù fa qualche esempio, che diventa così il metodo di come realizzare i comandamenti.

Per esempio il comandamento “non uccidere” non è ridotto solamente alla questione di togliere le funzioni vitali al prossimo. Già togliere l’onore del prossimo, togliere amore al prossimo, già questo è omicidio.

L’adulterio non inizia con il contatto fisico illegittimo, perché così sarebbe davvero considerare l’altra persona solo un corpo. Gesù insegna che il mondo dell’altro inizia già nel nostro cuore, e considerare la persona una cosa è già farle violenza.

Tagliare una mano e cavarsi occhi non è tanto un macabro rituale, ma ci fa capire che vivere la fede e realizzare il piano di Dio comporta tagli e sacrifici non piccoli nella vita, ma alla fine ci rende liberi e grandi.

Davvero è senza sconti l’insegnamento di Gesù. Non è un maestro “low-cost” come certe compagnie di volo. Per volare in alto e a lungo, Gesù chiede tutto ai suoi discepoli, chiede tutta la nostra adesione. Un cristiano che si affida al Vangelo per realizzare la propria vita e cambiare il mondo in bene, non può certo puntare al minimo e pretendere di fare poco.

Se mi fido del Vangelo e mi affido anche alla comunità cristiana, la Chiesa, che lo custodisce, posso davvero sperare di arrivare all’obiettivo, superando anche me stesso, le mie chiusure e pigrizie, e sentirmi davvero parte di un grande sogno, quello di Dio, che con Gesù per primo si è realizzato davvero nel mondo.

Giovanni don

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* *

Per inviare il messaggio, rispondi a questa semplice domanda *