Clicca qui per scaricarti la traccia in formato PDF

CHE ALTRO CI MANCA?

Traccia per i Consigli Pastorali

 

Proponiamo […] alle nostre comunità di adulti, di giovani, di animatori, di continuare anche il prossimo anno l’ascolto reciproco, il dialogo e la condivisione di scelte e iniziative per promuovere – con l’aiuto della grazia di Dio – una nuova primavera di vita, di fede e di speranza per la Chiesa di Dio che è in Vicenza.

(Lettera pastorale “Che altro mi manca?”, p. 4)

 

 

OBIETTIVI

 

Il confronto tra adulti e giovani che come Chiesa abbiamo vissuto l’anno scorso, in forme diverse, è stato un’esperienza positiva: ha comportato superare iniziali diffidenze e perplessità, ma si è rivelato bello e arricchente, aprendo spiragli di dialogo e creando aspettative verso il cammino futuro delle comunità. Per procedere su questa strada, il Vescovo ci propone anzitutto di curare nel corso dell’anno pastorale alcuni incontri, ben preparati e ricorrenti, tra giovani e adulti (Consiglio Pastorale, catechisti, animatori dei vari ambiti pastorali…) a partire dalle considerazioni dello scorso anno; i sei temi che raccolgono i nodi dei vicariati (e che vengono riportati in fondo alla lettera) sono già delle tracce per affrontare le questioni aperte. (Lettera pastorale “Che altro mi manca?”, p. 28)

Il confronto sarà realmente fruttuoso se sfocerà in concrete scelte pastorali, che consentano alla comunità di progredire nel cammino.

 

 

METODOLOGIA

 

La Lettera pastorale auspica una serie di incontri tra adulti e giovani, ma è lasciato alle singole Parrocchie o Unità Pastorali valutare quanti sarà possibile svolgerne e secondo quali modalità. Potrebbe trattarsi di un incontro o più. Potrebbero essere incontri che coinvolgono:

•    il Consiglio Pastorale e una rappresentanza dei giovani;

•    tutti gli operatori pastorali e i giovani che lo desiderano;

•    adulti e giovani appartenenti a uno stesso ambito di impegno o di interesse (liturgia, catechesi e percorsi di formazione, carità, animazione del tempo libero, cultura…).

 

 

Come Pastorale Giovanile Diocesana offriamo la traccia (liberamente modificabile) di due diversi momenti di confronto, dei quali il primo offre presupposti importanti per il secondo:

1.  Di che è mancanza questa mancanza? Una condivisione sulla Parola, per mettere in comune la propria fede e maturare insieme criteri evangelici; può durare un intero incontro (sarebbe l’ideale) o solo parte di esso.

2.  Che altro ci manca? Un dialogo sulle tematiche emerse l’anno scorso nell’incontro Consiglio Pastorale – giovani, o su quelle proposte nella Lettera pastorale, per operare un discernimento sulla realtà e fare delle scelte concrete; può essere svolto in un unico incontro, o ripetuto in più incontri con persone e/o tematiche diverse.